Tu sei qui

L'Acquachiara sceglie Iacovelli: "Giovani, bravi e motivati".

Lunedì, 28 Agosto, 2017 - 16:15
L'Acquachiara sceglie Iacovelli:

"Ritorno al futuro", scrive il club acquachiarino sui suoi canali social ufficiali. Un pò come affidarsi all'usato sicuro; alle mani esperte, cioè, di chi ha portato i risultati - non le chiacchiere - quando l'Acquachiara non era ancora quella grande realtà blasonata in campo nazionale ed internazionale che è oggi, per costruire un futuro vincente. Una scelta voluta, all'unisono, dall'intera famiglia Porzio: la presidentessa Chiara, il patron Franco ed il consulente generale alla pallanuoto Pino.

Diciamo la verità: Paolo Iacovelli, tecnico di lungo corso nel gruppo biancazzurro ed ex giocatore di Posillipo, Rari Nantes Napoli ed Acquachiara, non si è mai allontanato dalla casa madre avendo allenato in questi anni il Pomigliano Sporting Club. E' stato lui, insieme ad Almerico Veno, a creare nei primi anni 2000 quel gruppetto di ragazzi terribili che dopo solo pochi anni hanno presenziato costantemente alle fasi finali di tutti i campionati giovanili pur avendo una prima squadra che militava allora nel campionato di Serie C. E proprio Iacovelli, nel 2004, guidò (da capitano) la società partenopea alla vittoria del campionato di Serie C con conseguente promozione in Serie B. In quel gruppo hanno militato tanti atleti "made in Acquachiara" che contribuirono alle successive promozioni: dalla Serie B all'A2 (nel 2006) e dalla Serie A2 alla Serie A1 (nel 2011).

In carriera, da allenatore, per lui, oltre agli ottimi traguardi conquistati alla guida delle squadre esordienti, ragazzi, allievi e juniores Acquachiara, il titolo di vicecampione d'Italia con il Pomigliano nel campionato Under 17B, svariate promozioni alla guida del team pomiglianese e la guida tecnica (due anni fa) della Del Bo Aqavion nel campionato di A2.

Sotto la sua guida sono nati e cresciuti i vari Tozzi, Lamoglia, Ferrone e numerosi atleti che, da protagonisti assoluti, militano o hanno militato nei campionati minori (Femiano, Campese, Caccavale, Addeo, Barberisi, Montesano).

"Sarà una bella sfida confrontarsi con altre realtà del massimo campionato ma anche riuscire a replicare con i settori giovanili i traguardi ottenuti qualche anno fa - spiega Iacovelli - Vogliamo portare nel giro di qualche anno in prima squadra nuovi Tozzi o nuovi Ciardi. Se il lavoro sarà semplice? Dico solo che 15 anni fa non avevamo le possibilità che abbiamo adesso ed abbiamo ottenuto comunque risultati importanti...".

Prima squadra da rifondare? "Non del tutto - precisa l'ex tecnico del Pomigliano -. Oltre alle importanti riconferme, la dirigenza dell'Acquachiara è stata molto brava nel non far trapelare i nomi dei giocatori con cui abbiamo chiuso. Nei prossimi giorni, infatti, sveleremo gli atleti di cui ci supporteremo per tentare di conquistare la salvezza. Posso solo dire una cosa: saranno giovani, bravi e motivati. Hanno tutti sposato la nostra causa. Se poi arriverà anche qualche giocatore d'esperienza lo accoglieremo a braccia aperte".

Insomma sarà un'Acquachiara che punterà tutto sui giovani. "Abbiamo destinato importanti risorse alla pallanuoto giovanile ed alla pallanuoto femminile, ad esempio aumentando gli spazi acqua per gli allenamenti - puntualizza la Presidentessa Chiara Porzio - oltre che supportare, attraverso il nostro budget, le attività di nuoto e di triathlon che in questi anni ci hanno regalato tante emozioni. La prima squadra dovrà giocare senza alcuna pressione; sicuramente l'obiettivo sarà la salvezza e faremo di tutto per ottenerla ma anche se dovessimo fallire avremmo già una base solida con cui ripartire nelle prossime stagioni".